Iva agevolata al 10%

Hai già letto la nostra pagina sulle detrazioni fiscali al 65%?

Bene. Per verificare quali lavori rientrano nelle agevolazioni fiscali con IVA al 10% dobbiamo mettere a confronto più norme ecco perché molti si perdono nell’individuazione delle tipologie di lavori e dei casi che consentono di usufruire dell’aliquota IVA agevolata sulle ristrutturazioni: una contenuta in un decreto del 1978 che individua le tipologie di interventi ed una che sarebbe contenuta nel testo unico Iva che individua quali di questi fruiscono dell’Iva agevolata.

Tipi di lavori per i quali si può usufruire dell’IVA agevolata

1. Opere di Manutenzione ordinaria

Sono quelle  che  riguardano  la riparazione, il rinnovamento e sostituzione delle finiture  degli edifici e quelle necessarie ad integrare  o mantenere  in efficienza  gli impianti tecnologici esistenti.

2. Opere di Manutenzione straordinaria

Sono  le  modifiche necessarie  per  rinnovare  e  sostituire  parti  anche  strutturali  degli edifici, quelle per realizzare ed integrare i servizi  igienico-sanitari  e tecnologici, a patto che non alterino i volumi e le superfici delle  singole unità immobiliari e non comportino modifiche della destinazione di uso dell’immobile

3. Ristrutturazione

Sono gli  interventi che comprendono il ripristino o la sostituzione di alcuni elementi costitutivi dell’edificio, l’eliminazione, la modifica e l’inserimento di nuovi elementi ed impianti.

4. Altre opere

L’IVA al 10% si applica a tutte le prestazioni di servizi relativi a interventi di recupero edilizio senza alcuna data di scadenza ed in particolare alle prestazioni di servizi dipendenti da contratti di appalto o d’opera relativi alla realizzazione degli interventi di restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione compresi anche l’acquisto di beni, con esclusione di materie prime e semilavorati, forniti per la realizzazione degli stessi interventi di restauro, risanamento conservativo e di ristrutturazione edilizia, individuate dall’articolo 3, lettere c) e d) del Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia, approvato con Dpr 6 giugno 2001, n. 380.

L’aliquota Iva del 10% si applica, inoltre, alle forniture dei cosiddetti beni finiti, vale a dire quei beni che, benché incorporati nella costruzione, conservano la propria individualità (per esempio, porte, infissi esterni, sanitari, caldaie, eccetera).

L’agevolazione spetta sia quando l’acquisto è fatto direttamente dal committente dei lavori, sia quando ad acquistare i beni è la ditta o il prestatore d’opera che li esegue.

Per maggiori info si consiglia di consultare queste pagine:

Coibentarecasa.it consiglia vivamente di rivolgersi al proprio commercialista di fiducia per avere delle info dettagliate e appropriate al caso specifico in essere, essendo le normative vigenti poco chiare e a volte plurime in materia.

Scarica il modello “Richiesta di applicazione dell’Iva ad aliquota ridotta”

documento download richiesta iva 10%
Documento DOC – Dichiarazione applicazione Iva agevolata al 10%

Fresco d’estate e caldo d’inverno. Dai una svolta al benessere della tua casa!