Proroga scadenza Superbonus 110 (AGGIORNAMENTO GENNAIO 2022)

logo proroga scadenza superbonus 110

La nuova Legge di Bilancio 2022 (Legge 30 dicembre 2021, n. 234 in G.U. 31 dicembre 2021 n. 310) ha deciso relativamente alla proroga del Superbonus 110, senza contare gli altri interventi come:

Già con il documento programmatico per la preparazione della Legge di Bilancio (relativo ad Ottobre 2021) si era contribuito finalmente a dare maggiori certezze sul futuro delle detrazioni fiscali, con focus sulla questione del risparmio energetico.

Vediamo quali sono le novità stabilite con la Legge di Bilancio 2022.

Questa ha portato alla tanto attesa proroga sulla scadenza del Superbonus 110, spostandone in la l’orizzonte temporale.

Introduzione

Relativamente alla proroga del Superbonus 110 si era già parlato nella prima stesura del documento programmatico per la preparazione alla Legge di Bilancio 2022, della possibilità di un allargamento dell’orizzonte temporale, ipotizzando date.

Ciò che non si era realmente capito era per quali categorie potesse essere realmente prorogato il termine di ultimazione dei lavori.

Nulla si sapeva, inoltre, relativamente alla gestione delle singole unità abitative, come le classiche ville.

Adesso abbiamo una serie di strumenti più utili, in particolare, relativamente alle scadenze sui bonus per la casa, si fa riferimento all’Articolo 8 del Decreto di Bilancio (qui puoi leggere l’intero documento).

Questo stabilisce quali saranno tutti i nuovi termini di scadenza relativamente ai lavori per ottenere le varie detrazioni fiscali sulla casa, stabilendo anche vari criteri da rispettare.

Nuove scadenze di termine lavori relative ai bonus casa

bonus casa proroga superbonus 110

Già in queste settimane si era parlato di una proroga per il termine dei lavori di riqualificazione relativi agli istituti popolari, alla quale si è aggiunta la categoria degli immobili realizzati dalle cooperative a proprietà indivisa.

Per queste categorie si è stabilito una proroga sul termine dei lavori fino al 31 Dicembre 2023, a condizione che al 30 Giugno 2023 abbiano realizzato almeno il 60% dei lavori.

Proroga Superbonus 110 su villette unifamiliari

Importante è il discorso sulle persone fisiche che hanno presentato una pratica di inizio lavori con il Superbonus 110 su villette unifamiliari

Con pratica di inizio lavori ci riferiamo, ad esempio, al modulo Cilas, ossia la Certificazione Inizio Lavori Asseverata Superbonus, oppure un classico permesso a costruire.

In questo caso che il termine ultimo dei lavori per ottenere la proroga Superbonus 110 per interventi di persone fisiche su villette unifamiliari è stato spostato al 31 Dicembre 2022.

N.B: SI SPECIFICA che sia necessario, per ottenere questa proroga, che siano stati completati i lavori per almeno il 30% del totale entro e non oltre il 30 Giugno 2022.

Termini prorogati per i condomini

Per quanto riguarda gli interventi realizzati dai condomini o da proprietari di immobili da 2 a 4 unità abitative distintamente accatastate, si stabilisce una scadenza prevista alla data del 31 Dicembre 2025, ma con percentuali a scalare, ossia:

  • fino al 31 Dicembre 2023, relativamente alla proroga per l’ottenimento del Superbonus 110;
  • nel 2024 questa percentuale andrà a scendere al 70%;
  • nel 2025 si arriverà al 65% (rimarrà al 110% per tutti gli interventi realizzati nelle zone colpite dal terremoto del 2009, quindi nell’intera area della città dell’Aquila, della conca aquilana e di parte della provincia dell’Aquila).

Precisazione sulla problematica ISEE

Per il termine dei lavori stabilito per ottenere i vari bonus casa su ville ed unità abitative singole, si paventava nelle scorse settimane la possibilità di proroga al 31 Dicembre 2022, solo a condizione che si avesse un reddito ISEE inferiore a 25.000 euro.

La possibilità, come era ovvio, ha scatenato numerose polemiche, che hanno portato alla decisione di prorogare il Superbonus 110 a tutto il 2022, anche per le abitazioni unifamiliari, ville e villette, senza nessun vincolo di tetto ISEE del reddito.

Proroga Superbonus 110: cessione credito e sconto in fattura

calcolo sconto in fattura per superbonus 110

Come abbiamo avuto modo di vedere, una delle possibilità che sono state date a chi realizzava lavori con il 110 è la possibilità di accedere alla cessione del credito o allo sconto in fattura.

Ricordiamo brevemente le seguenti informazioni:

  • Cessione del credito d’imposta

il beneficiario dell’Ecobonus, invece di portare in detrazione sulle imposte le spese sostenute per i lavori sull’immobile, può richiedere la cessione del credito d’imposta all’impresa fornitrice degli interventi o a privati, come banche e intermediari finanziari.

  • Sconto in fattura

Permette di avere uno sconto, di pari importo, che viene applicato direttamente sulla fattura del fornitore, invece che l’ottenimento della detrazione fiscale IRPEF.

Per quanto riguarda sulla cessione del credito relativo al Superbonus 110 ed anche lo sconto in fattura, le ultimissime notizie relative confermano la possibilità di una proroga a tutto il 2025.

Le ultimissime informazioni disponibili danno conferma di una proroga di sconto in fattura e cessione del credito fino al 31 Dicembre 2024 anche sugli Ecobonus al 50 e 65% !

Una vittoria, quindi, per le associazioni di categoria che spingevano molto sull’ottenere la proroga della cessione del credito e dello sconto in fattura anche per gli altri bonus.

Conclusioni

banner insufflaggio

Come da sempre diciamo, noi della ditta CoibentareCasa.it raccontiamo della possibilità di eseguire interventi di coibentazione delle pareti con la tecnica dell’insufflaggio.

Ricordiamo che anch’esso rientra nel bonus 110, previa REALIZZAZIONE DI UN PROGETTO ENERGETICO PREVENTIVO.

Inoltre, in alternativa al 110, con l’intervento di coibentazione delle intercapedini si può anche avere l’accesso al bonus casa 50% (o Bonus Ristrutturazione).

Coibentare Casa ha modo di collaborare con un ingegnere in grado di occuparsi di gestire tutta la pratica per conto del cliente (registrazione ed asseverazione ENEA)!

In alternativa si ha anche modo di ottenere l’Ecobonus 65% (o Bonus Riqualificazione Energetica).

Ricordiamo che il conseguimento dell’agevolazione fiscale prevede un sopralluogo da parte di un tecnico abilitato ante e post coibentazione, sopralluogo che ha un costo particolarmente elevato.

Unitamente alle ultime novità relative alla proroga sulla scadenza del Superbonus 110, vi invitiamo a rileggere i nostri approfondimenti relativi all’insufflaggio Ecobonus 110, oltre che quello relativo alle seconde case ed all’Ecobonus condominiale.

RICHIEDI UN PREVENTIVO

1 Step 1
Consenso Privacy
keyboard_arrow_leftPrevious
Nextkeyboard_arrow_right
FormCraft - WordPress form builder
Federico Calvanelli