Isolamento edifici con intercapedine

Isolamento di un intercapedine con schiuma isolante termo-acustica ISOFOR, prima e dopo l'interventoIntercapedini: significato del termine e storia

L’etimologia del termine intercapedine deriva dal latino “intercapedo”, ed in particolare dall’unione dei termini “inter” (interruzione) e “căpĕre” (prendere). La parola “intercapedine” è largamente utilizzata sia in architettura che in edilizia e sta a significare uno spazio vuoto compreso tra due superfici vicine; in particolar modo in edilizia, rappresenta lo spazio vuoto esistente tra tamponatura esterna e tamponatura interna dei muri perimetrali di un edificio.

L’ideazione di quest’area vuota nasce con la finalità di creare una barriera che impedisca le infiltrazioni di acqua, ma che funga al tempo stesso come rudimentale barriera isolante.

La pratica di sfruttare l’intercapedine nelle costruzioni ha iniziato a prendere piede in alcuni paesi d’Europa soprattutto nel XIX secolo, ma è con i primi anni del ‘900 che si assiste ad una sua diffusione più capillare.

L’intercapedine viene chiamata anche “muro a Cassetta” o muro con “cavedio” o muro di “tompagno” a seconda delle aree geografiche ma il concetto è sempre lo stesso: spazio vuoto continuo presente tra due muri equidistanti.

Le intercapedini, principalmente realizzate per impedire il passaggio di umidità all’interno dell’edificio in questione, prevedevano soprattutto agli inizi l’uso di uno spazio vuoto particolarmente limitato (pochi millimetri, non oltre comunque i 2-3 centimetri), ma con il passare del tempo si sprecano i casi di edifici dove al loro interno sono presenti intercapedini di spessore superiore (dai 5-6 centimetri, fino ad arrivare a 30 centimetri ed oltre!).

Considerando l’intercapedine muraria come uno strumento con la finalità anche di rudimentale mezzo di isolamento termico, non possiamo non sottolineare come questo possa essere possibile solo in presenza di spessori di vuoto molto limitati, come i già citati 2-3 centimetri; questa la possiamo definire come la distanza massima con la quale si evitano spostamenti d’aria importanti (che non mancano di verificarsi quando, tra le superfici dell’intercapedine, si generano squilibri termici come in inverno o in estate, dove le pareti esposte all’esterno risultano essere molto più fredde o calde rispetto a quelle interne).

Nel momento in cui si arriva a misure superiori, non solo non si ottiene alcun giovamento in termini di coibentazione delle pareti, ma si arrivano a creare dei veri e propri moti convettivi, che determinano notevoli dispersioni termiche in estate ed in inverno.

Questi moti si creano in ambienti dove sussistono squilibri termici tra le superfici dell’abitazione, ed intercapedini troppo spesse non aiutano di certo a risolvere la problematica. In questi casi si ha la necessità assoluta di ridurre al minimo la presenza dei moti convettivi, e l’unico modo per farlo è eliminare la fonte che genera lo squilibrio, nel nostro caso il vuoto presente all’interno dell’intercapedine!

Un errore che molti artigiani di “vecchio stampo” compivano fino a pochissimo tempo fa era quello di mettere delle griglie di areazione nelle intercapedini murarie dove i clienti lamentavano problemi di umidità da condensa.

In questo caso non facevano altro che accelerare i moti convettivi già elevati e favorire la dispersione termica già evidentemente elevata.

Il modo migliore per eliminare queste correnti di aria è quello di isolare e se si hanno problemi di condensa (proprio generata da squilibri termici) sicuramente l’inserimento di un buon isolante termico favorirà la scomparsa dei fenomeni di condensa e muffe.

Presenza dell’intercapedine negli edifici italiani e loro coibentazione termica

Qual è l’attuale situazione relativa alle intercapedini nelle abitazioni italiane? Considerate che solo dai primi anni ’70 si è iniziato a parlare della possibilità di realizzare la loro coibentazione termica, e che solo negli ultimi anni si è dato risalto alle modalità di isolamento termico nelle case, soprattutto con la finalità di riqualificare il patrimonio immobiliare dal punto di vista energetico!

Attualmente quasi la metà degli edifici in Italia è costruita a cavallo tra gli anni ’70 e ’90, inoltre praticamente tutti gli edifici singoli o palazzine di quegli anni possiedono l’intercapedine!

Con l’insufflaggio questo spazio vuoto sarà riempito da un isolante, che da una parte impedisce i moti convettivi e soprattutto costituisce una barriera termica tra interno ed esterno, conservando il caldo in inverno, il fresco d’estate.

Questo intervento di inserimento di materiale isolante può essere effettuato tanto esternamente, quanto internamente all’edificio (può essere realizzato anche in un singolo appartamento condominiale) e può essere effettuato anche solo nelle parti dell’involucro che necessitano realmente; in questo modo si può ottenere un lavoro ben fatto con minori costi e tempistiche di realizzazione, rispetto ai grandi interventi di isolamento termico esterno.

Per realizzare l’isolamento delle intercapedini, un ottimo materiale che vi consigliamo è la schiuma isolante termo acustica ISOFOR , che è in grado di insinuarsi in ogni spazio, persino nei piccolissimi anfratti dell’intercapedine e riesce a superare ostacoli come tubazioni e impianti presenti nello spazio vuoto, contrariamente ad altri tipi di isolanti di tipo “secco” che non hanno la stessa capacità!

Isolare le intercepedini dei muri perimetrali della casa grazie alla tecnica del riempimento delle intercapedini o insufflaggio (da taluni definito anche insufflaggio delle pareti) consente importanti vantaggi di coibentazione, di risparmio energetico, di comfort termo-igrometrico ambientale e miglioramento della qualità della vita.

CoibentareCasa è un azienda specializzata nelle opere di coibentazione delle intercapedini murarie vuote grazie al riempimento di schiume isolanti traspiranti ad altissima coibentazione termica.

La coibentazione delle pareti è quindi una delle operazioni più efficienti per il risparmio energetico.

Scopri come isolare le intercapedini usufruendo della detrazione fiscale Ecobonus!

Clicca qui per scoprire come isolare e coibentare le pareti

Clicca qui per scoprire come possiamo isolare sottotetti

Le esperienze di chi ha isolato l’intercapedine di casa

Coibentazione della casa con tecnica di insufflaggio di schiuma isolante. Lavoro svolto in un giorno scarso,pulito rispettando tutti gli accordi intrapresi. E' una tecnica di isolamento davvero efficace che si capisce davvero una volta visto fare!Persone competenti e professionali.Consiglio a chi non sa dove rivolgersi questa ditta specializzata nel lavoro di isolamento per insufflaggio termico.
Lorenzo-Lombardia-Milano
Lavoro eseguito in una giornata su tutto il perimetro della casa. Il sig. Calvanelli si è dimostrato disponibile e premuroso in ogni circostanza e molto attento alla pulizia finale lasciando tutto in ordine tanto che mia moglie rivolgendosi a me, che sono di natura molto disordinato,mi ripeteva in continuazione "vedi come si fa".Non posso che raccomandare la Ditta Calvanelli per chi ha necessità di coibentazione. Alla fine il prezzo è stato quello inizialmente pattuito anche se di materiale ne è stato impiegato molto più del previsto.
Mario Scorza- Liguria -Genova -Serra Riccò
Non conoscendo ditte di coibentazione termica grazie a un collega che aveva fatto il lavoro con loro mi sono rivolto a Calvanelli per l'isolamento delle pareti perimetrali della mia casa di Lecce. Pareti isolate in un solo giorno e con un espanso che è entrato in ogni vuoto delle intercapedini ( è uscito da piccoli fori presenti nel muro e dalle scatole elettriche).Finalmente la mia casa è isolata dal freddo e dal caldo.Coibentazione termica di alta qualità. Consigliatissima !
Carmine-Puglia- Lecce
Isolamento termico intercapedine tramite insufflaggio di schiuma Isofor e coibentazione dei cassonetti. Lavori eseguiti con elevata professionalità ed accuratezza, svolti nei modi e nei tempi come da preventivo. Curata la pulizia finale dei locali. Il meglio: professionalità, educazione e cortesia.
Antonio Mariani-Lazio-Roma

Fresco d’estate e caldo d’inverno. Dai una svolta al benessere della tua casa!